Contadi castaldi brut franciacorta: fresco, vibrante e persistente

Contadi castaldi brut franciacorta: fresco, vibrante e persistente

 

Contadi Castaldi Brut Franciacorta DOCG è una bollicina che mette gioia, col suo sapore unico e leggero, è l’ideale per le feste, per aperitivi in compagnia ed è molto piacevole da gustare in estate. I grossisti di vini italiani fanno a gara per venderlo perché è uno dei più scelti nel mercato internazionale.

 

Contadi castaldi brut franciacorta: un’accurata descrizione

Dal colore giallo paglierino, uno champagne vivace che presenta un aroma persistente floreale con note di agrumi, pepe e pesca, al palato è sapido ma allo stesso tempo presenta un retrogusto floreale e molto piacevole.

 

 

Contadi castaldi brut: qualche info sui vitigni

 

Questo spumante è ottenuto da tre vitigni: lo Chardonnay per l'80%, abbinato a componenti più piccole di Pinot Nero (10%) e Pinot Bianco (10%). Tutti e tre i vitigni vengono coltivati sui terreni di proprietà. Il territorio presenta caratteristiche ottimali per la maturazione delle uve e anche il clima è favorevole.

 

La raccolta viene fatta a mano nel periodo tra fine agosto e metà settembre, successivamente avviene il processo di vinificazione: gli acini vengono pressati, poi si passa alla fermentazione del mosto in parte in acciaio e in parte in barrique. Segue un periodo di affinamento almeno per i 24 mesi.

 

Chardonnay           

 

Lo Chardonnay è per eccellenza l’uva bianca della Borgogna, è fondamentale nella creazione di champagne con metodo classico. è ormai possibile coltivarlo ovunque e può avere un sapore diverso a seconda di dove nasce. Ha un sapore fresco e vivace ed è capace di tenere un elevato tenore alcolico.

 

Oggi è coltivato in tante Regioni come i Colli Piacentini, con Cantina Valtidone, anche in Sicilia, in Trentino-Alto Adige, in Piemonte in particolare nelle Langhe, in Lombardia (nella Franciacorta, in uvaggio, per produrre vini spumanti), in Veneto, in Friuli-Venezia Giulia e in Abruzzo. È uno dei più rinomati nel mercato dell’export vini.

 

Pinot Bianco

 

Presenta un’uva bianca, non è altro che una mutazione del Pinot grigio, vien coltivato in Alsazia e anche in altri Paesi. Utilizzato perlopiù per gli champagne insieme allo Chardonnay e al Pinot Nero. Ha una struttura corposa e un sapore vivace e un aroma floreale con note di frutta.

 

Pinot Nero

Il pinot nero è uno dei più nobili a bacca rossa, difficile nella coltivazione e nella vinificazione. Con esso son creati i migliori vini rossi, oppure spumante insieme allo Chardonnay e al Pinot bianco ad esempio. Ha un sapore corposo e fruttato.

 

Contadi castaldi: la cantina

Nella seconda metà del novecento, in una delle numerose cave presenti sul territorio ha dato vita alla fornace Biasca, oggi sede della cantina contadi Castaldi. La fornace smise la sua attività e Vittorio Moretti la rilevò perché era legato ai ricordi di infanzia della moglie Mariella che passava tutti i pomeriggi dopo la scuola lì.

 

Negli anni 80 la Franciacorta è nel massimo del suo sviluppo e Vittorio e Mariella Moretti decidono insieme di convertire la fornace in una cantina. I suoi ampi volumi e le lunghe gallerie di cottura dei mattoni si sono rivelati perfetti per affinare i vini e per accogliere gli appassionati di vino. Così, l’antico luogo di lavoro ha cambiato la propria funzionalità ma restando nel suo stile.

 

Infatti la ristrutturazione, che ha rispettato lo stile dei disegni originali, si sviluppa su 7.000 mq complessivi, il piano di recupero ha previsto un’operazione di restauro conservativo del corpo centrale della fornace con utilizzo del piano terra per la vinificazione e l’invecchiamento, del primo piano per il magazzino e del secondo piano per ambienti destinati a feste ed eventi, con oltre 300 posti a sedere.

 

La cantina non possiede un vino shop online ma è presente su diversi marketplace anche specifici per la vendita  vino online.

 

 

Contadi castaldi franciacorta brut: abbinamenti

 

Il Contadi in versione brut è perfetto come aperitivo, ottimo per accompagnare primi come zuppe e vellutate di verdure. Anche per antipasti e secondi di pesce e crostacei. Viene servito freddo tra i 4 e i 6 gradi, in un ballon flute; calice perfetto per questi champagne, dal fondo stretto, esso favorisce lo sviluppo delle bollicine e dell’aroma intenso.

 

 
Marco Amato
Marco Amato

I have been with Bell Italia since 2017, today I am the Marketing Manager. I bring with me almost twenty years of experience as a commercial in the food and non-food sectors and a great passion for Made in Italy.

Ultimi Articoli